Cosa sono i Certificati bianchi

I Titoli di Efficienza Energetica (TEE o Certificati Bianchi) rappresentano un recente meccanismo di incentivazione del risparmio energetico negli usi finali dell’energia messo a punto dal Ministero per agevolare l’utilizzo di apparecchiature, impianti e soluzioni tecniche efficienti che portino ad una importante e concreta riduzione dei consumi di energia.

Il meccanismo dei TEE si fonda sull’obbligo posto in capo alle aziende distributrici di gas e/o di energia elettrica con più di 50.000 clienti finali, di conseguire un obiettivo annuo prestabilito di risparmio energetico.

I TEE sono di fatto dei Titoli energetici (spendibili su un apposito Mercato) che corrispondono ad un risparmio energetico conseguito. Un TEE corrisponde al risparmio conseguito pari a 1 Tep (cioè all’energia rilasciata dalla combustione di una Tonnellata Equivalente di Petrolio, corrispondente a 11.630 kWh, 10 milioni di kcal circa).

Per ottenere i TEE è necessario mettere in atto degli intereventi che portino ad un risparmio energetico. Siccome non tutti i generici interventi sono necessariamente fonte di risparmio, il Ministero ha definito una serie di interventi che, se applicati possono condurre ad un risparmio e quindi al rilascio di TEE.

Questi interventi sono elencati in una serie di schede tecniche (che si dividono in standardizzate, analitiche e a consuntivo) che spiegano quali sono le apparecchiature utilizzabili per ottenere un risparmio energetico, come calcolare e quantificare il risparmio.

I TEE riconosciuti come risparmi energetici ottenuti, previa verifica da parte del GSE, sono rilasciati dal GME (Gestore dei Mercati Energetici) ai soggetti preposti alla negoziazione sul mercato, che solitamente sono identificati nelle ESCo (Energy Service Company), negli Energy Manager di grandi aziende consumatrici di energia, o di altri soggetti identificati nella regolamentazione dei Titoli.

 

dubbi

 

Indice argomenti Certificati bianchi (TEE)